Brasile A/R con “Scienza Senza Frontiere”

Ospitalità, scambio e collaborazione scientifica tra università, enti di ricerca e imprese. È questo l'obiettivo di CSF - Ciência sem Fronteiras (Scienza Senza Frontiere), programma promosso dal governo brasiliano, che favorisce la mobilità di studenti e ricercatori brasiliani verso università e centri di ricerca di eccellenza esteri e l'ospitalità in Brasile di giovani ricercatori e scienziati stranieri, leader affermati in diversi settori.
 
Al progetto, già attivo in Italia e coordinato dall'Università di Bologna, ha di recente aderito anche il sistema scientifico e accademico del Friuli Venezia Giulia. Grazie alla rete del Coordinamento degli enti di ricerca della regione, AREA Science Park, ICGEB (International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology), Elettra Sincrotrone Trieste, INAF-Osservatorio Astronomico TS, SISSA (Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati) , Università di Trieste, Università di Udine e OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale) hanno firmato un memorandum di collaborazione a Scienza Senza Frontiere e già a partire da quest'anno accoglieranno alcuni borsisti brasiliani, consolidando così la partnership scientifica con il Paese sudamericano.

Forte della sua vocazione internazionale, della multisettorialità e delle numerose collaborazioni scientifico-didattiche attive, il sistema scientifico del Friuli Venezia Giulia è in grado di offrire agli studenti e ai ricercatori brasiliani un'ampia scelta di settori e specializzazioni di eccellenza. Sono diversi, infatti, gli ambiti di interesse del programma: scienze naturali, scienze della vita, agricoltura sostenibile, scienze della terra, monitoraggio e salvaguardia ambientale, ingegneria, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, biotecnologie, oceanografia, energie rinnovabili, industria creativa e sviluppo di progetti innovativi. Infine, studenti e ricercatori brasiliani potranno beneficiare di un sistema integrato d'accoglienza promosso dal Welcome Office FVG, ufficio unico regionale per l'informazione pre-arrival e l'assistenza on site  dedicato  a chi ogni anno sceglie di studiare o fare ricerca in regione.
 
Attualmente sono quattordici le Istituzioni Italiane che hanno firmato un accordo con le due agenzie del governo brasiliano, CAPES e CNPq, costituendo un network per lo scambio di studenti, scienziati e studiosi. La prima programmazione, relativa al periodo 2011 -2015, vedrà più di 100 mila borse in tutto il mondo per studi e tirocini. In Italia sono arrivati oltre 3000 borsisti brasiliani (undergraduate, dottorandi e Post doc) dall'avvio del Programma nel 2012.
Il successo del Progetto del governo brasiliano porterà alla conferma a breve di CSF per una nuova programmazione pluriennale, con il raddoppio dello stanziamento disponibile.

> 30 centri di ricerca e alta formazione

> 13.500 studenti e ricercatori

> 37 addetti alla ricerca su 1.000 lavoratori

> 4.100 ricercatori stranieri residenti

Key facts